Quando la madre natura si ribella

Quando madre natura si ribella, le cose per gli uomini si mettono male! E così, Ian Gibson, mentre stava dando la caccia a un leone, ha avuto la peggio. Leggiamo come sono andate le cose dal sito

http://www.huffingtonpost.it/2015/04/18/cacciatore-ucciso-elefante_n_7092690.html?ncid=fcbklnkithpmg00000001

bull elephant zimbabwe

Ian Gibson era un cacciatore professionista ed è morto schiacciato da un elefante. Già perché Gibson è stato calpestato mentre stava cacciando un leone con un cliente americano in una zona selvaggia nel nord-est dello Zimbabwe. Il 55enne era uno dei più noti esperti di caccia grossa del Paese africano. L’animale infatti si è accorto della presenza dei cacciatori, e quando li ha visti a una distanza di 150 metri, li ha caricati. La notizia ha subito scatenato numerose reazioni sui social: “È stata legittima difesa”.

Sembra che l’elefante fosse in una condizione di massima aggressività, chiamata musth, che è connessa a una maggiore produzione di ormoni ed è ben nota ai gestori di circhi o zoo. “Non avrebbe mai sparato se non avesse avuto alternative – dicono le guide secondo quanto riferisce l’inglese Telegraph -. Lui era un cacciatore, sì, ma anche un magnifico fotografo naturalista e ambientalista”.

Notizie simili sono sempre molto spiacevoli, però se l’uomo imparasse a rispettare di più la natura e gli animali, forse tante tragedie non si verificherebbero.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...