Anno scolastico 2015-2016, maturità….

Anno scolastico 2015-2016 … Maturità al Liceo Scientifico, e se un giorno, all’improvviso….

…. se un giorno all’improvviso il MIUR comunicasse come seconda prova scritta Fisica, anziché Matematica, come è sempre stato fino allo scorso anno?

immagine dal sito: http://www.corriereuniv.it/cms/2015/12/maturita-2016-pubblicata-la-simulazione-della-seconda-prova/

Come la prenderebbero docenti e studenti?

Qualche possibile risposta ci viene fornita dall’articolo del sito web del Corriere della Sera

http://www.corriere.it/scuola/secondaria/16_gennaio_25/maturita-fisica-simulazione-seconda-prova-panico-studenti-866dee8a-c383-11e5-b326-365a9a1e3b10.shtml

Ecco un ampio stralcio dell’articolo

«Se dovesse uscire fisica in seconda prova alla maturità io balzo», dice usando un linguaggio quasi aulico Laura B. su Twitter. «Raga, voglio piangere che simulazione di m… non ho mai fatto così schifo in fisica voglio morire davvero non voglio fare la maturità», è lo sfogo tutto d’un fiato (e senza giri di parole) di disagiaTina (nomen omen). «La simulazione di fisica mi ha tolto la voglia di vivere, che già era pari all’1%», calcola mereh. E’ la bestia nera, il babau degli studenti dello Scientifico: Fisica in seconda prova. Non è mai successo da quando la Maturità (riforma Berlinguer, 1997) ha cambiato nome e pelle diventando il nuovo Esame di Stato. Ma già l’anno scorso il Miur ha fatto sapere che andando a regime i nuovi licei disegnati dal ministro Gelmini, d’ora innanzi Fisica e Matematica avrebbero dovuto alternarsi un anno per ciascuna, come greco e latino al classico. E così in Rete, ma anche fra gli addetti ai lavori, sono in molti a credere che quest’anno sia la volta buona (si fa per dire).

Simulazione o prova generale?

Se ancora qualcuno aveva dei dubbi (il Miur scioglierà le riserve entro fine mese, la data più quotata è venerdì 29), a confermare le paure dei ragazzi oggi si è svolta la prima «vera» simulazione di Fisica: quella a marzo dell’anno scorso è da considerarsi solo come «virtuale» visto che si è svolta quando già si sapeva che allo scritto ci sarebbe stata Matematica. E come durante il vero esame di maturità, già in mattinata circolavano in Rete le foto scattate dai ragazzi in classe e le soluzioni arrangiate in casa. Due i problemi, fra i quali i ragazzi dovevano sceglierne uno, e sei quesiti: ne andavano fatti tre. Il portale Skuola.net ha seguito gli sfoghi dei ragazzi sui social. Da Facebook a Twitter, passando per Instagram e Snapchat, oggi non si contavano i selfie dei ragazzi collassati sui fogli delle prove lasciate in bianco. E ci sono stati anche alcuni prof che, prendendo le parti dei ragazzi, hanno annullato la simulazione a «causa dell’elevata difficoltà». Fortunatamente, non tutti però l’han presa così. «I due problemi erano abbordabili – dice il professor Stefano Accorsi, che insegna allo scientifico Archimede di San Giovanni in Persiceto (Bologna) -. Il primo era tratto dall’esperienza di Thomson sul rapporto fra massa e carica. Si chiedeva di ritrovare le equazioni delle traiettorie delle particelle cariche quando queste sono soggette a campi elettrici e/o magnetici. Veniva anche assegnata una foto autentica della prova sperimentale di Thomson, e da questa si chiedeva di riconoscere quella che ha il rapporto carica-massa maggiore (cioè l’idrogeno) e di confrontarla con un’altra traiettoria. Il secondo faceva il caso di un magnete che, cadendo su un binario, rallenta la sua velocità perché la corrente elettrica che produce gli fa, in un certo senso, da paracadute e le richieste (grafico della velocità, valore della velocità massima, funzione della velocità) erano guidate in modo intelligente». Se un difetto avevano i due problemi, fa notare il professor Accorsi con un pizzico di malizia, è che sembravano saccheggiati dalle prove d’esame del liceo scientifico francese. «Lo so perché io le consulto in continuazione, sia quelle del Bac che di altri Paesi: in Rete si trova di tutto!», dice.

La richiesta dei prof: rinviare di un anno. E più ore nel quinquennio

Di una cosa è certo il professore. Che la prova in Fisica alla maturità è benedetta: «E’ la nostra prova d’indirizzo, noi docenti è anni che chiediamo venga introdotta all’esame. Mica ci chiamiamo liceo matematico, siamo il liceo scientifico!». Semmai il professore dubita della fretta di farla quest’anno. «Come Aif (Associazione insegnanti di fisica, ndr) abbiamo chiesto al ministero di rinviarla di un anno in modo che nel frattempo possiamo preparare delle prove per i ragazzi sulla falsa riga di quella di oggi. Finora non sapevamo come muoverci perché mancava un modello al quale ispirarsi. Adesso c’è, ma ora c’è bisogno di tempo e di esercizio». Soprattutto il professore e i suoi colleghi ritengono che sarebbe fondamentale aumentare il monte orario della materia, colpevolmente negletta nei programmi dello Scientifico. Attualmente si fanno due ore nel biennio e tre nel triennio per un totale di 13 ore nel quinquennio contro le 22 ore di matematica. «Dovremmo almeno allinearci al monte orario di greco al classico che prevede quattro ore nel biennio e tre nel triennio – dice Accorsi -. Parliamo di una materia che sviluppa tantissime abilità nei ragazzi: la Fisica non è come la matematica, è sperimentale, va fatta anche in laboratorio, altrimenti come fanno i ragazzi per esempio a capire come si propaga un raggio di luce quando passa dall’aria all’acqua? E poi insegna a lavorare in gruppo per prendere le misure, fare i grafici». Evviva insomma la Fisica, ma meglio non correre: diamo ai ragazzi e ai prof il tempo di abituarsi, di prenderci la mano.

Anche i prof si sentono impreparati

Più perplesso il professor Domingo Paola del liceo Giordano Bruno di Albenga. «Io vedo tre grandi criticità nello scritto di Fisica – dice -. La prima riguarda i ragazzi. Non si può immaginare una prova dello stesso livello di difficoltà di Matematica visto che il monte orario delle due materie è molto diverso. La seconda riguarda noi docenti. E’ vero che siamo tutti abilitati a insegnare Matematica e Fisica ma la verità è che i laureati in Fisica sono pochissimi. Molti di noi, e mi ci metto anch’io, si sentono insufficienti di fronte alle difficoltà concettuali della materia. Terzo: non esiste una tradizione di prove scritte che, per essere costruita, richiede del tempo e tante simulazioni. Per questo io mi auguro che il ministero rinvii almeno di un anno la prova».
Ascolterà il Miur le preci di prof e studenti? Molti in questi giorni temono di no.

E se ci fossero sorprese anche al Liceo Classico?

Speriamo veramente di no, sia per gli studenti del Classico che per quelli dello Scientifico.

La vita è già difficile così!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...