Testimonianze dai lager nazisti – per non dimenticare

Testimonianze dai lager nazisti – per non dimenticare

Jaroslav Vyskocil e Vojteck Mertl, deportati politici cecoslovacchi dal 1941 al 1945

Durante la nostra detenzione abbiamo osservato i seguenti delitti, commessi dagli ufficiali SS di Mauthausen e dal Kommando dipendente di Gusen

Il comandante in capo del Lager, colonnello Ziereis, lo si può definire un sadico che, a causa del suo comportamento bestiale, è stato promosso due volte. (…) Si verificarono parecchi tentativi di fuga; gli evasi erano sempre o quasi catturati e Ziereis li faceva impiccare in presenza di tutti gli altri deportati che dovevano assistere. (…) Alla fine dell’esecuzione dovevamo sfilare davanti agli impiccati e guardare bene il loro sacrificio. Chi non lo faceva era picchiato sul posto. (…) Oltre agli adulti, uomini e donne, abbiamo visto impiccare e fucilare anche bambini. (…).

Il sottotenente Streitwieser era uno dei più fidati aiutanti   di Bachmayer (un capitano nazista). Gli piaceva far sbranare i deportati dai cani, uccidere uomini e inzuppare i deportati con acqua fredda, fino a ce morivano…

(cfr. “Nei lager c’ero anch’io”, a cura di Vincenzo Pappalettera, Mursia, 1973 – pp. 104 – 105)

Maria Rolnikaite, deportata sovietica

Dal campo hanno condotto via molti uomini. Si dice che li porteranno a rastrellare mine  nelle strade e nei campi. Ho chiesto alla mia vicina di cuccetta come si fa. Me lo ha poi spiegato Lisa:gli uomini devono semplicemente camminare per il campofinché non passeranno su una minba e salteranno in aria dilaniati.

(cfr. op. cit, pag. 188)

Dante Rosso, internato militare italiano

Che cosa ho visto a Dora (campo di concentramento di Dora-Mittelbau, in Germania)

Nella mia qualità di muratore al campo di Dora, dove sono arrivato il 17 ottobre 1943 e vi sono rimasto fino al 3 aprile 1945, ho avuto modo di vedere quello che non era concesso a tutti gli altri detenuti. Ho sofferto le spoliazioni, i disagi di un lavoro lungo ed estenuante con sole tre o quattro ore di riposo al giorno, la denutrizione, le bastonature dei nostri capi polacchi e tedeschi (…).

Chi cercava di fuggire o commetteva qualche mancanza anche lieve veniva portato nelle prigioni e frustato sopra una panca, disteso; (…) quasi sempre il colpito sveniva prima della fine della punizione e alcuni sono deceduti sotto i colpi (….).

(cfr. Op. cit. pp. 83 – 84)

Mi  fermo qui, ma si potrebbero citare tante altre testimonianze!

Mi limito a riportare, qui di seguito, i versi di Primo Levi, utili per farci riflettere su ciò che è stato!

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri

nelle vostre tiepide case,

voi che trovate tornando a sera

il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo

che lavora nel fango

che non conosce pace

che lotta per mezzo pane

che muore per un si o per un no.

Considerate se questa è una donna,

senza capelli e senza nome

senza più forza di ricordare

vuoti gli occhi e freddo il grembo

come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato:

vi comando queste parole.

Scolpitele nel vostro cuore

stando in casa andando per via,

coricandovi, alzandovi.

Ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,

la malattia vi impedisca,

i vostri nati torcano il viso da voi.

Primo Levi

Un pensiero su “Testimonianze dai lager nazisti – per non dimenticare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...