qualcuno pensa di stare ancora nell’ Ottocento

Qualcuno pensa di stare ancora nell’ Ottocento!! Sì… Marchionne, quello che dice che vuole innovare, ma in realtà vuole riportare indietro di un secolo le lancette dei “diritti dei lavoratori”!

articolo postato da: http://www.corriere.it/economia/11_gennaio_11/mirafiori-camusso-attacco-marchionne_2e9b23b2-1d70-11e0-8ba9-00144f02aabc.shtml

il manager: «Non si può confondere il cambiamento con un insulto all’italia»

Camusso: «Da Marchionne solo insulti»

L’ad Fiat: «Voglio solo innovare»

La Fiom alla Cgil: «Fare saltare l’accordo». Bersani e Bonanni: «L’ad misuri le parole»

il manager: «Non si può confondere il cambiamento con un insulto all’italia»

Camusso: «Da Marchionne solo insulti»
L’ad Fiat: «Voglio solo innovare»

La Fiom alla Cgil: «Fare saltare l’accordo». Bersani e Bonanni: «L’ad misuri le parole»

Susanna Camusso (Emblema)
Susanna Camusso (Emblema)

MILANO – L’ad del Lingotto, Sergio Marchionne, «insulta ogni giorno il Paese»: lo afferma il leader della Cgil, Susanna Camusso, nella relazione introduttiva all’assemblea nazionale delle Camere del lavoro a Chianciano Terme, in provincia di Siena, accusando la Fiat di non rendere noti i dettagli del piano ‘Fabbrica Italia’. «Se Fiat può tenere nascosto il piano – ha aggiunto – è anche perchè c’è un governo che non fa il suo lavoro ma è tifoso e promotore della riduzione dei diritti».

LA REPLICA DI MARCHIONNE – «Non si può confondere il cambiamento con un insulto all’Italia» ha replicato poco dopo Marchionne. «Se introdurre un nuovo modello di lavorare in Italia – ha detto Marchionne al Salone dell’Auto di Detroit – significa insulto mi assumo le mie responsabilità, ma non lo è.

Aspettando il referendum Aspettando il referendum Aspettando il referendum Aspettando il referendum Aspettando il referendum Aspettando il referendum Aspettando il referendum Aspettando il referendum

L’ho già detto e lo continuo a ripetere: è un messaggio totalmente coerente con la strategia industriale di questo gruppo». «Siamo assolutamente convinti – ha aggiunto – che il modo di operare industrialmente in Italia, anche sulla base della nostra esperienza a livello internazionale, debba essere rinnovato. Stiamo cercando di cambiare una serie di relazioni che storicamente hanno guidato il sistema italiano. In questo sono assolutamente colpevole, stiamo cercando di cambiarlo, di aggiornarlo e di renderlo competitivo. Non si può confondere con un insulto all’Italia. Anzi vogliamo più bene noi all’Italia in questo senso cercando di cambiarla. Il vero affetto è cercare di fare crescere le persone e farle crescere bene, stiamo cercando di farlo a livello industriale. Il fatto che sia un modo nuovo non lo metto in dubbio e nemmeno che sia dirompente perchè cambia il sistema delle relazioni storiche, ma che in questo si veda una mancanza di affetto verso l’Italia è ingiustificato. È uno sforzo sovraumano, non lo farebbe nessun altro».

 

 

«CHI PERDE CI DEVE STARE» – «Io non ce l’ho né con la Camusso, né con la Fiom, né con la Cgil e nemmeno con Landini. Hanno dei punti di vista che sono completamente diversi dai nostri – ha affermato Marchionne – che non riflettono quello che vediamo noi a livello internazionale. Nessuno sta dicendo loro di cambiare punto di vista ma questo non consente loro di accusare gli altri di non voler bene all’Italia. Così non si risolve niente». Poi una battuta categorica: «A Mirafiori chi perde, anche se per un solo voto, ci deve stare». «In qualsiasi società civile quando la maggioranza esprime un’opinione, anche con il 51%, la minoranza perde e cede il diritto di gestire. Quando si perde si perde», ha affermato. «Io ho perso tantissime volte in vita mia – ha aggiunto – sono stato zitto e sono andato avanti. Non ho reclamato. Se venerdì vincerà il sì avrà vinto il sì e il discorso è chiuso. Non possiamo fare le votazioni 50.000 volte. Capisco che nessuno vuole perdere ma una volta che si è perso si è perso».

LANDINI – Nella polemica a distanza Camusso-Marchionne si inserisce anche il leader della Fiom Laurizio Landini: «Chi viene nominato lì non fa il sindacalista ma il gendarme dell’impresa», ha detto Landini intervenendo all’assemblea nazionale delle Camere del lavoro promossa dalla Cgil e riferendosi all’accordo su Mirafiori. «Non è vero», sostiene Landini, che la scelta della Fiat di tornare alle Rsa nominate dai soli sindacati firmatari «è fatta per mettere fuori la Fiom e la Cgil; è una scelta di fondo perché nel momento in cui possono essere eletti i rappresentanti solo dai sindacati che ha scelto la Fiat, vuol dire che quelli stessi non hanno più diritto di esercitare un ruolo sindacale» ma quello di «gendarme dell’impresa». Poi attacca: «Bisogna far saltare l’accordo, renderlo non applicabile ed essere in grado di riconquistare i diritti che in termini sindacali significa riaprire la trattativa e considerare la vertenza ancora aperta». «Tutto il sindacato, tutta la Cgil lo capisca», aggiunge.

BERSANI E RENZI – Poi è stata la volta del leader del Pd Pier Luigi Bersani, che ai microfoni del Tg3, a proposito delle ultime dichiarazioni dell’ad Fiat ha detto che «Marchionne saprà pure prendere la misura alle auto, ma misurare le parole non lo sa fare». Bersani chiede a Marchionne di spiegare come investirà i 20 miliardi promessi nel piano Fiat. Di parere diametralmente opposto al segretario è Matteo Renzi, sindaco di Firenze, che ai microfoni del TGLA7 dichiara: «Io sono dalla parte di Marchionne. Dalla parte di chi sta investendo nelle aziende quando le aziende chiudono. Dalla parte di chi prova a mettere quattrini per agganciare anche Mirafiori alla locomotiva America». «Andrò alla direzione di giovedì – aggiunge il sindaco di Firenze, leader dei «rottamatori» – ma spero che Bersani non chiacchieri di aria fritta, ma dei problemi degli italiani. Non chiacchieri dell’inciucio con Fini, ma del futuro del Pd. Il Pd è credibile – incalza – se smette di inseguire i falsi problemi. Provi concretamente a dire “ok, Berlusconi ha fallito” ma dicendo agli italiani quali sono le nostre soluzioni per ripartire».

BONANNI – Stesso concesso espresso dal segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni: «Farebbe bene a stare più zitto, come farebbero bene molti esponenti della classe dirigente italiana e dire fino in fondo cosa sta accadendo in un Paese che da cinque anni non ha investimenti e quindi non c’è lavoro». Poi conferma che il referendum sull’accordo di Mirafiori si farà senza alcun rinvio dopodomani, auspicando la vittoria dei sì perché «l’investimento è importante, non solo perché salva Torino ma perché è una indicazione fortissima per gli investitori italiani e stranieri». La Fiom dovrà attenersi e rispettare le decisioni della maggioranza, ma «la verità vera – chiosa in una intervista al Tg3 Bonanni – è che non rispetta mai le decisioni della maggioranza».

REFERENDUM – Invece sulla consultazione su Mirafiori di giovedì e venerdì prossimi il leader Cgil Camusso aveva precisato che «un esito del referendum con i sì non lo auspichiamo ma non lo possiamo escludere». Questo, aggiunge, «come conseguenza porta anche l’esclusione della Fiom e della Cgil dalle fabbriche. Su questo dobbiamo continuare a riflettere». Camusso ha ribadito la necessità di «sostenere e comprendere le ragioni del no. Non ci si può sottrarre dalla battaglia per il no, bisogna – prosegue il leader della Cgil riferendosi alle tute blu della Fiom – che loro sappiano che hanno il sostegno di tutta la loro organizzazione».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...