brandire l’arma della memoria SEMPRE!!!


Olocausto e memoria storica

Nell’agosto del 2007 feci un viaggio in Polonia dove ebbi  modo di visitare il campo di sterminio di
Auschwitz. Dal 1939 al 1945
l’ordine mondiale concepito da colui che sicuramente può essere
definito come il più folle di tutti i tempi, cioé Hitler, prevedeva
l’annientamento di tutti gli Ebrei d’Europa e l’asservimento di tutte
le nazioni ritenute inferiori o suddite (Italia compresa, con buona
pace dei fascisti del tempo e, soprattutto, dei post neo fascisti di
oggi).




La
concezione dei campi di concentramento, soprattutto di Birkenau,
trovava i suoi tragici fondamenti in quella che è stata definita
l’industria della morte, attraverso una lunga serie di umiliazioni
psicologiche, di maltrattamenti e di costrizioni fisiche che portavano
lentamente, ma inesorabilmente all’annientamento fisico del detenuto e,
quindi, al suo decesso, spesso durante le selezioni e nelle camere a
gas, spesso, però, anche a seguito di punizioni o per altre circostanze.


L’esperienza
della visita ad Auschwitz, soprattutto nel luogo delle baracche, dove
dormivano i detenuti, è stata emblematica e dovrebbe, pertanto, essere
consigliata a tutti coloro che ancora oggi negano quanto è successo lì
dentro, come in altri luoghi simili.


Ma perché ricordare sempre queste cose? Sono in tanti , soprattutto tra i giovani ,a porsi queste domande.


Eppure,
è proprio di questi giorni lo sdegno  suscitato da dichiarazioni di stampo negazionista che, non di rado, ottengono anche un tacito plauso da parte di chi non dovrebbe mai concederlo.  In Europa e nel mondo, inoltre, si stanno
allargando a macchia d’olio l’antisemitismo e la xenofobia. Aumentano anche
sentimenti legati al razzismo ad alla paura o all’intolleranza, in
generale, per l’altro.


Queste sono senza dubbio delle valide ragioni per ravvivare sempre di più il ricordo di ciò che è accaduto tanti anni fa.


Fino
a quando ci sarà anche un solo imbecille che tenterà di negare tutto
ciò o, peggio, che continuerà ad inneggiare a determinati personaggi
del passato, varrà sempre la pena di brandire contro costui l’arma
della memoria storica!!!

2 pensieri su “brandire l’arma della memoria SEMPRE!!!

  1. Io ho visitato il campo di concentramento di Mauthausen e sono rimasto senza parole… Si crede sì che ciò che accaduto sia vero, ma una volta viste dal vivo certe cose….. è orrificante.

  2. Infatti, è orrificante.Quando andai in Polonia, in piena estate (era la settimana dal 4 all\’11 agosto) non trovai in nessun luogo insetti, mosche, e quant\’altro di simile. L\’unico luogo polacco in cui li trovai fu proprio il lager, dove, peraltro, ancora si potevano respirare nell\’aria gli odori e le polveri residui di quanto perpetrato in quel campo. Mi chiedo, dunque, come si faccia a negare l\’iinegabile evidenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...