Riflessioni

Riflessioni….

Sto riflettendo, se possibile ancora più intensamente che in passato, sul ruolo dei partiti al giorno d’oggi.

I partiti sembrano sempre più malati, di potere e di altro….

La crisi del PD (coinvolto a Napoli e in Abruzzo in vicende assai poco lodevoli) mi lascia sempre più perplesso e smarrito.

Quali potranno essere i possibili punti di riferimento?

Questo PD non può essere il mio PD: o cambia o non sarà più il mio Partito Democratico!!!

5 pensieri su “Riflessioni

  1. Caro Professore….ho il tuo stesso smarrimento. Sinistra, centro, destra.Solo queste tre parole sono e dovrebbero essere punti di riferimento importanti. Ma esistono ancora? Per me hanno perduto tutto il loro significato. Vengono usate in tutte le salse ma in modo superficiale e continuano a giocare un ruolo fondamentale nel linguaggio politico, giornalistico e popolare.Mi viene in mente una canzone di Giorgio Gaber…. si chiama Destra-Sinistra e vi si leggono affermazioni di questo tipo “Fare il bagno nella vasca è di destra
far la doccia invece è di sinistra” oppure “ una donna emancipata è di sinistra,
riservata è già un po\’ più di destra”. Sorrido perchè a me piace fare sia la doccia che il bagno nella vasca e se fosse così semplice ci sarebbero molti meno litigi, incomprensioni e prese di potere assurdi….Destra e sinistra una volta esistevano, di sicuro non esistono più adesso. E per te che hai a che fare tutti i giorni con questi nostri giovani, quale futuro vedi?….con quanta tristezza affronti la tua giornata nel sapere che di questo passo…loro, più che noi, sono destinati a diventare grandi con il capo chino.Buon venerdi…

  2. N EFFETTI, DESTRA E SINISTRA SONO CATEGORIE ORMAI PURAMENTE ASTRATTE, A MENO CHE QUALCUNO DI NOTEVOLE SPESSORE POLITICO NON RESTITUISCA LORO IL GIUSTO SIGNIFICATO. MA CHI PUO\’ FARLO OGGI COME OGGI?DOVE SONO QUESTI PERSONAGGI DI GRANDE SPESSORE POLITICO?PER LE NUOVE GENERAZIONI, PER I RAGAZZI CHE ORA VENGONO A SCUOLA, LA VEDO NERA E DIFFICILE!ORA LORO APPAIONO SPENSIERATI, ALLEGRI ANCHE PIU\’ DEL DOVUTO, MA TRA QUALCHE ANNO SI ACCORGERANNO CHE FORSE NON VALEVA LA PENA DI ESSERE COSI\’ SPENSIERATI E CHE, AL CONTRARIO, SAREBBE STATO NECESSARIO FORMARE, GIA\’ A 14 – 15 ANNI, NON SOLO UNA PROPRIA CULTURA, MA UNA PROPRIA COSCIENZA CIVICA E POLITICA.OVVIAMENTE, CI SONO LE ECCEZIONI.MA, PER L\’APPUNTO, SONO …. ECCEZIONI CHE CONFERMANO LA REGOLA!

  3. professò ma mi meraviglio della vostra intelligenza! credete ancora nel PD?!?! ma avreste dovuto capirlo dall\’ inizio che sarebbe stata la fotocopia dei grandi partiti (per non dire fotocopia di Forza Italia..-.-) che creano un miscuglio di socialisti, capitalisti, democristiani, exPCI eccetera eccetera… e comunque che partito di opposizione che dice di fare gli interessi di TUTTO il popolo e poi scende a patti con Berluscao sul federalismo???

  4. Allora: rispondo a Paola dicendo che ha ragione. Sono proprio incazzato nero. Mi rendo conto che non è giusto generalizzare e ritenere tutto il PD un partito marcio. Questo non lo farei con nessun partito, men che meno con il PD. E\’ tuttavia vero che il PD si configura, al momento, quanto meno, come una sorta di amalgama mal riuscito.A Napoli è successo quello che stiamo vedendo. In Abruzzo anche.Che dire? La delusione è forte, ma permane almeno (e qui rispondo ad Alessio) la speranza che da queste vicende il PD sappia trarre i giusti insegnamenti e sappia finalmente trasformarsi in un partito vero, che fondi la sua politica sull\’onestà e sulla moralità come punti di partenza per il risanamento economico, sociale e politico del Paese.Se così sarà, avrà ancora il mio voto. Altrimenti, cercheremo altri punti di riferimento, nell\’ambito della Sinistra!Quanto al federalismo e, in generale, alle mediazioni politiche che il PD sta realizzando con il Governo, credo che sia giusto, quanto meno, confrontarsi. Se sulla scuola c\’è stato un parziale rinvio delle decisioni inizialmente annunciate dal governo, ciò è stato reso possibile dal fatto che l\’opposizione ha contestato quelle scelte, ma si è anche confrontata con il Governo su possibili soluzioni alternative. Un\’opposizione che non si confrontasse con la maggioranza e che non contribuisse a migliorare le proposte della maggioranza, sarebbe destinata ad un inutile arroccamento e avvitamento su se stessa. Naturalmente, cosa diversa sarebbe l\’accettazione supina di tutto ciò che vuol fare il Governo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...