URGENTE!!!!!

URGENTE,
 
si prega di leggere con attenzione, potrebbe essere molto importante!!
 
Leggete anche per una maggiore informazione in merito!!!
 
 
 
 
Posto dal sito della CGIL SCUOLA!!!

Importante delibera del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione 18-11-2008 |

Scuola Il CNPI, il massimo organo collegiale nazionale, riunito in seduta plenaria, ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, proposto dal consigliere FLC Cgil Mario Battistini, che nei fatti sconfessa tutto l’operato del Governo sulla cosiddetta riforma della scuola.

Il giudizio negativo è a 360 gradi, infatti il CNPI esprime dissenso per l’entità e le modalità della manovra finanziaria che riduce quantità e qualità dell’offerta formativa, giudica pregiudiziale a qualunque cambiamento il confronto democratico con la scuola, chiede la revisione della norma sul maestro unico e rivendica il diritto dovere ad un suo coinvolgimento in tutti i processi decisionali.

Una delibera con cui il Ministro della pubblica istruzione dovrà confrontarsi, un atto di pesante condanna politica che non può rimanere lettera morta e che conferma in pieno le ragioni della grande mobilitazione sindacale.

Roma, 18 novembre
___________________

Ordine del giorno CNPI
Seduta del 17 novembre 2008
Il CNPI esprime fermo dissenso e viva preoccupazione sulle scelte operate sul sistema di istruzione che, se confermate, comportano per entità e modalità degli interventi finanziari e di natura normativa, una destrutturazione del sistema scolastico pubblico ed una netta riduzione quantitativa e qualitativa dell’offerta formativa.

Il CNPI, richiamando gli orientamenti espressi dallo stesso ministro presidente nella seduta del 9 Luglio scorso, considera necessario per l’interesse per l’interesse generale della scuola che si apra un vero confronto nel paese a partire dal coinvolgimento di quanti, insegnanti, dirigenti e altri operatori della scuola, hanno attraversato stagioni riformatrici diverse garantendo l’unica vera continuità dell’azione formativa, impegno nell’innovazione della didattica e dell’organizzazione scolastica e, nonostante le crescenti difficoltà, una buona qualità complessiva della scuola italiana.

In questo quadro il CNPI considera quindi necessaria una profonda revisione dei provvedimenti adottati, a partire da quanto previsto per la scuola primaria con l’introduzione dell’insegnante unico e l’orario di 24 ore settimanali.

E’ altresì indispensabile un approfondito confronto sul piano programmatico e sui vari regolamenti relativi ai diversi settori scolastici, con l’obiettivo prioritario di migliorare concretamente la qualità dell’offerta formativa.

A questo proposito il CNPI, sulla base delle specifiche competenze istituzionali di organo collegiale nazionale, ribadisce il diritto-dovere di un pieno coinvolgimento nei processi decisionali e, in tal senso, conferma il proprio impegno per un puntuale esame di tutti i provvedimenti in atto.

Un pensiero su “URGENTE!!!!!

  1. NON MI Meraviglio affatto, Meno Male una volta tanto in via comunque Eccezionale purtroppo, del giudizio della delibera del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione.La riforma approvata dall\’attuale governo è Palesemente Antiformativa, e si limita a riproporre in pratica uno scopiazzamento quasi totale della vecchia riforma Gentile del ventennio, che con fatica e molto impegno era stata cercata di riformare aggiornando l\’istituzione scolastica statale secondo le reali esigenze didattiche qualitativamente competenti, con una serie di studi svolti e conquiste didattiche ottenute su un po\’ tutti gli aspetti scolastici, da quello del voto in condotta, alla divisa scolastica, alla quantità e modalità di gestione logistica degli insegnanti e delle ore di lezione didattica nella programmazione curriculare e loro tipologia.Ciò nonostante da tempo si sentiva l\’esigenza di riformare anche i programmi didattici scolastici, troppo ancora retrogradi e non al passo con i tempi che corrono e non ancora aggiornati all\’evoluzione temporale cronologica avutasi, si era infatti sollevato negli anni delle contestazioni sociali il problema del nozionismo nella scuola istituzionale, per sottolineare ed evidenziare una forte carenza formativa nella didattica scolastica istituzionale che non riusciva e non riesce a ottenere il maturamento effettivo di una adeguata coscienza critica riflessiva nella classe studentesca, oltre a riempire il programma didattico di sole nozioni e formalità soltanto appena funzionali all\’inserimento nel mondo del lavoro professionale istituzionale.La riforma attuata dal presente governo va nella direzione esattamente opposta in pratica alla complessiva opera di aggiornamento, miglioramento e potenziamento della offerta didattica formativa dell\’istituzione scolastica che si è cercata di attuare nel tempo, riproponendo praticamente quasi esplicitamente una istituzione scolastica retograda e didatticamente deleteria, quasi quasi con chiaro intento di far implodere e far andare in crisi le istituzioni statali per determinarne lo scioglimento in favore di una totale liberalizzazione della gestione della logistica istituzionale, volta all\’ottenimento di un regime dittatoriale totalitario o chissà forse alternativamente a una gestione totalmente mercantile e privatizzata della logistica nazionale.Infatti nel "piano di rinascita democratica" della P2, che lo stesso Licio Gelli in una recente intervista ha detto che Silvio Berlusconi sta attuando brillantemente e che solo lui in pratica oggi può portare a compimento pratico, È PREVISTA L\’ABOLIZIONE DELLA VALIDITÀ LEGALE UFFICIALE DEI TITOLI DI STUDIO, E TALE INTENZIONE È STATA UFFICIALMENTE DICHIARATAMENTE PUBBLICAMENTE ESPRESSA ANCHE DALLO STESSO MINISTRO BRUNETTA NELLA TRASMISSIONE PORTA A PORTA CONDOTTA DA BRUNO VESPA SU RAIUNO, TROVANDO INOLTRE CONSENSI ISTANTANEI SU TALE INTENZIONE DA UNA ESPONENTE POLITICA ISTITUZIONALE DELL\’OPPOSIZIONE GOVERNATIVA ATTUALE!!!RENDIAMOCI CONTO CHE L\’ATTUALE GOVERNO ISTITUZIONALE HA PRATICAMENTE UN CHIARO INTENTO STRUMENTALE VOLTO AL SODDISFACIMENTO DI OSCURE STRATEGIE INTERNAZIONALI LOBBISTICHE CHE PROBABILMENTE PREVEDONO L\’IMPLOSIONE E LA CRISI DELLE ISTITUZIONI ITALIANE (SIMILMENTE AL CASO DELL\’ARGENTINA, DICONO ESPERTI SU INTERNET), O ALTRIMENTI IL LORO SFRUTTAMENTO STRATEGICO STRUMENTALE IN VISTA DI POSSIBILI POTENZIALI PROBABILI MIRE IMPERIALISTE ESPANSIONISTE DELLA CLASSE DOMINANTE DEGLI USA NEI CONFRONTI DELL\’EUROPA!!!PROBABILMENTE SI VUOLE TRASFORMARE L\’ITALIA IN UNA DITTATURA TOTALITARIA O IN UNO STATO CAOTICO PER FAR IMPLODERE O FAR INDEBOLIRE IL PROGETTO DELL\’EUROPA ISTITUZIONALE UNITA GOVERNATIVA, O PER MIRARE A UNA SUA CONQUISTA IMPERIALISTA DA PARTE DEGLI USA!!!APRIAMO GLI OCCHI!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...