E’ sempre la stessa musica? Storia….

E’ sempre la stessa musica?
 
No, non è sempre così: però…..
 
 
4 marzo 1878 – 1887: in questo periodo vengono realizzati e messi sul mercato i primi esempi di disco piatto che segnarono il passaggio dal fonografo (con cui era possibile ascoltare la musica incisa su un cilindro) al grammofono vero e proprio (che permetteva di ascoltare la musica incisa su un disco piatto, rigido, solcato da una puntina).
 
 
Il fonografo di Edison: in quest’ultima fotografia è possibile osservare il meccanismo di riproduzione: il cilindro posizionato sul rullo di ottone era solcato da una puntina che riproduceva il suono inciso.
 
Nei video trovati su YouTube è possibile ascoltare la riproduzione su fonografi a cilindro
 
               
 
 
 
       
registrazione di Edison, inventore del fonografo
 
 
 
 
 
 
Lo stesso criterio sarebbe stato adottato, sia pur con delle modifiche, successivamente per la riproduzione su disco a 78 giri e sui dischi a 33 e a 45 giri. La puntina si muoveva da un lato all’altro del disco ed il suono era amplificato da una tromba che poteva essere esterna o interna. I grammofoni, almeno nella prima fase, erano esclusivamente alimentati da motori a molla, che si azionavano tramite una manovella posta all’esterno dell’apparecchio. Già a partire dal 1920, però, il procedimento meccanico cominciò ad essere sostituito da quello della riproduzione elettrica. I dischi a 78 giri, ancora oggi acquistabili sul mercato, furono realizzati fino alla fine degli anni ’40 – inizi anni ’50, allorché furono sostituiti da dischi in vinile a 33 giri e, successivamente, a 45 giri.
 
Per l’evoluzione che l’ha caratterizzato nel corso del tempo, il grammofono può senz’altro essere definito un antenato illustre del moderno CD.
 
Ma tra Cd e grammofono non è sempre la stessa musica. Quella del Cd è certamente una riproduzione perfetta e sofisticata dal punto di vista tecnologico, ma ancora oggi suscita una certa emozione ascoltare i vecchi dischi a 33 o a 45 giri e, ancora di più, quelli più vecchi a 78 giri.
 
 
esempi di grammofoni: il primo a sinistra risale alla fine dell’Ottocento. Gli altri due sono dei primi del Novecento. E’ visibile, nella terza fotografia, la manovella che azionava il motore del grammofono per la riproduzione del disco.
 
 
 
Non è un caso che in questi ultimi tempi si chieda di tornare almeno al vinilie degli anni ‘7o e ’80!!
 
 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...